Marcia Globale per il Clima @ Catania



29/11/2015
Evento Facebook
Marcia Globale per il Clima @ Catania

A Catania, in contemporanea con tante altre città del mondo, si svolgerà la Marcia Globale per il Clima fatta da cittadini, movimenti e associazioni che si uniranno in un’unica mobilitazione, contro le politiche speculative che hanno prodotto i disastrosi cambiamenti climatici.

La manifestazione si colloca all’interno di un percorso, che va dal Porto, passando per Piazza Europa e si conclude a Piazza Stesicoro. Nel corso della Marcia si terranno spettacoli di artisti e attività collaterali. A fine serata, presso la Palestra Lupo, avrà luogo una cena sociale a km0 e la proiezione del documentario “Home”.

La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Catania e dell’Autorità portuale di Catania.

Programma

  • Ore 9.30 Veleggiata Cabinati d’Altura (Porto di Catania)
    Ciclisti, Podisti, Scout, associazioni e cittadini si riuniranno al Porto di Catania, nello spiazzale antistante la sede della Autorità Portuale. Consegneremo le bandiere della manifestazione agli armatori delle circa 40 barche che parteciperanno alla veleggiata. Successivamente interverranno alcuni volontari sul tema del clima e della sostenibilità;
  • Ore 11.00 Avvio Marcia (dal Porto a Piazza Europa)
    Si darà il via alla marcia, che comincerà dallo spiazzale del Porto e si snoderà, a piedi e in bici, lungo via Dusmet, piazza dei Martiri, viale Africa, per approdare a piazza Europa. Contemporaneamente la flotta della veleggiata, facendo lo stesso percorso via mare, si dirigerà verso piazza Europa esponendo i simboli della manifestazione.
  • Ore 14.00 Fine Marcia (Piazza Europa)
  • Ore 16.00 – 20.00 Banchetto Informativo (Piazza Stesicoro)
  • 21.00 Cena Sociale “a km zero” e proiezione del documentario “Home” a Palestra LUPo.

Il 29 Novembre unisciti a noi per la tutela della nostra salute e dei nostri diritti.

Vi invitiamo a partecipare numerosi alla campagna per il Clima, per far sentire forte la nostra voce contro le politiche di sfruttamento e depauperamento ambientale, a discapito della salute della Terra e dei suoi abitanti. Uniamoci contro le logiche del profitto delle lobby che, tramite le trivellazioni selvagge nelle nostre coste e le costanti estrazioni di idrocarburi gassosi, producono abbondanti materiali di scarto tossici, difficili e costosi da smaltire, responsabili del danno ad interi ecosistemi.

Pretendiamo un pianeta alimentato al 100% da energie rinnovabili!

Viviamo in un ambiente di degrado. Ogni giorno, tra lo scarico industriale e dei trasporti, vengono immesse nell’atmosfera migliaia di tonnellate di anidride carbonica, contribuendo cosi ad un crescente riscaldamento globale. A causa della cattiva gestione, la maggior parte dei rifiuti vengono smaltiti nelle discariche abusive, contribuendo ad inquinare terreni circostanti e falde acquifere sotterranee, mentre tutto il resto dei nostri “scarti” finisce in mare. Tutto questa senza tenere conto delle gravi conseguenze sulla salute che implicano per i cittadini e le generazioni future.
Il clima cambia le città. “Piogge intense e ondate di calore, emergenza e sfida per riqualificare mettendo in sicurezza il territorio”. Questo è quanto emerge dalla mappa del rischio climatico di Legambiente, che raccoglie ed elabora informazioni sugli impatti degli eventi climatici nei confronti di aree civili e urbane. I dati evidenziano come in Italia stia aumentando la frequenza di fenomeni climatici estremi e violenti come trombe d’aria e alluvioni, i quali sempre più spesso fanno registrare danni ingenti e vittime, specie se uniti a politiche scellerate di trasformazione del territorio e degli ecosistemi (fiumi intubati, aree urbane completamente impermeabilizzate, edifici realizzati in aree a rischio idrogeologico, inadeguatezza della rete di convogliamento delle acque piovane ed altro ancora).

La risposta a impatti di questa dimensione chiama quindi in causa sia i governi locali che le politiche nazionali e sovranazionali, ma soprattutto impone che ogni singolo cittadino rifletta seriamente sul tema, prendendo coscienza delle responsabilità che ogni gesto comporta.

Competenze

Postato il

28 Novembre 2015

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *