Gesù è morto per i peccati degli altri


,
sabato 21 maggio 2016 ore 20:30
Evento Facebook
Gesù è morto per i peccati degli altri

GESÙ È MORTO PER I PECCATI DEGLI ALTRI
presentazione da parte della regista Maria Arena e proiezione del film

“Gesù è morto per i peccati degli altri” è un film indipendente, la realizzazione è durata 5 anni. La voglia di esplorare e raccontare un quartiere considerato morto si trasforma presto in un prezioso incontro con un gruppo di trans che a San Berillo si prostituisce da decenni.

La pellicola è stata prodotta dalla Invisibile Film, dalla regista Maria Arena, dalla sceneggiatrice Josella Porto e da un crowdfunding internazionale.

La colonna sonora è firmata da musicisti catanesi, sotto la direzione artistica di Stefano Ghittoni, con brani inediti di Kaballà, Cesare Basile, Agostino Tilotta, degli Uzeda e Salvatore Zinna.

Il documentario racconta la storia delle trans, dei travestiti e delle prostitute che vivono a Catania, nel quartiere di San Berillo, un luogo in rovina che fino agli anni ’50, invece, era il cuore commerciale e artistico della città; le sette protagoniste narrano la quotidiana attesa dei clienti segnata dai ritmi delle feste popolari dedicate a Santi e Madonne.

Come novelle samaritane descrivono il loro incontro con la parola di Gesù Cristo e senza vergogna parlano di fede e prostituzione. «Dietro ogni prostituta – hanno dichiarato Maria Arena e Josella Porto – c’è una storia che bisognerebbe ascoltare per cancellare il significato spregiativo della parola. In “Gesù è morto per i peccati degli altri” non c’è nessuna ricerca dello scandalo, solo un invito a riflettere sulla prostituzione e sull’omofobia attraverso le storie di 7 individui che vivono ogni giorno dignitosamente nonostante tutto”.

Gesù è morto per i peccati degli altri
un film di Maria Arena
sceneggiatura M.Arena e J.Porto
produzione M. Arena, J. Porto, Invisibile Film
Patrocinio Contributo Accademia di Belle Arti CT
Italia, 2014, 90′

Ingresso a contributo volontario

Competenze

Postato il

16 Maggio 2016

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *